News

650.000 presenze e 480 tonnellate di rifiuti raccolti, di cui ben il 67% in modo differenziato.

Questo in sintesi l'impatto ambientale della 90ª Adunata Nazionale degli Alpini, svoltasi a Treviso dal 12 al 14 maggio.

Contarina e Conai, di concerto con i Consorzi di materiale, hanno presentato i dati elaborati dal Contatore ambientale, che ha misurato i dati sulla raccolta dei rifiuti prodotti durante l’Adunata e l’indotto economico generato.

La 90° edizione è stata una vera “Adunata Riciclona”: tutto il materiale raccolto è stato avviato a riciclo per fabbricare nuovi prodotti, consentendo di risparmiare circa 50mila euro grazie al mancato avvio a smaltimento o conferimento in discarica dei rifiuti raccolti.

 

 

“Abbiamo realizzato il contatore ambientale per poter valutare i benefici generati dalla corretta gestione e avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio prodotti durante la 90° Adunata degli Alpini” ha dichiarato Walter Facciotto, Direttore Generale Conai. “Questo strumento, che si basa su un modello Life Cycle Assessment semplificato, permette di quantificare i risparmi in termini di consumo di acqua, energia e materia prima vergine, oltre alle mancate emissioni di CO2evidenziando in cifre i vantaggi concreti che l’economia circolare può generare, anche grazie al supporto di Conai e dei Consorzi di Filiera”.

Oltre all’impegno degli operatori di Contarina, fondamentale è stato il contributo dei 280 volontari operativi nei tre giorni dell’evento, che hanno sensibilizzato Alpini e cittadini sull’importanza della raccolta differenziata e svuotato cestini e contenitori, presidiando vie e piazze della città.
 

"E’ stata davvero l’Adunata dei record – commenta il sindaco di Treviso Giovanni Manildo – per numero di presenze, ma anche per la gestione dei rifiuti. Un risultato eccezionale per il quale sento di ringraziare il Consiglio di bacino Priula e Contarina. Insieme stiamo raggiungendo degli obiettivi importanti, come l’85% di differenziata, raggiunto da Treviso in poco più di tre anni. Un risultato che ha portato la città sul podio dei Comuni ricicloni e una collaborazione che, siamo certi, continuerà a regalarci risultati importanti. Tutto questo grazie alla collaborazione dei nostri cittadini e, nel caso dell’Adunata, di tutte le persone che sono venute a Treviso. Possiamo ben dire che l’esempio alpino, per cui bisogna lasciare il posto che ci ospita migliore di come lo si è trovato, è stato seguito a pieno".

 

Ecco un estratto del contatore ambientale, realizzato da Conai con il supporto di eAmbiente, che mostra tutti i dati sui benefici derivati dall’aver messo in atto delle buone pratiche durante la 90° Adunata Nazionale degli Alpini a Treviso, un’Adunata riciclona e sostenibile. 

 

 

 

Archivio