News

Per combattere i rifiuti in mare che arrivano dalla terraferma solo con un sorriso non basta, ma il progetto Smile - Strategies for MarIne Litter and Environmental revention of sea pollution in costal areas - promosso dalla Regione Liguria e presentato ieri 3 ottobre al Salone della Nautica di Genova, denota un approccio innovativo e realistico, perché parte dalla convinzione che "prevenire è meglio che curare" e si propone quindi di migliorare la gestione dei rifiuti fra entroterra e fascia costiera, grazie a un finanziamento di circa 500mila euro stanziato dall'Unione Europea nell'ambito del programma LIFE+.
Alla tavola rotonda organizzata in occasione della presentazione ha partecipato anche COREPLA, che da tempo indica nello sviluppo della corretta raccolta differenziata sulla terraferma il metodo migliore, più efficace ed economico per evitare la dispersione in mare dei rifiuti d’imballaggio in plastica, trasformandoli invece in nuove risorse.
In Liguria, infatti, la maggior parte dei rifiuti marini è di origine terrestre.
Anche tutti i cittadini e i turisti potranno divenire protagonisti, segnalando con un'apposita applicazione la presenza di eventuali rifiuti abbandonati lungo il torrente e le spiagge, contribuendo così tra l’altro a proteggere il “Santuario dei cetacei” che abbraccia l’intero Mar Ligure.
Per ulteriori informazioni: www.life-smile.eu
 

Archivio