News

Il Giro d’Italia non è solamente un evento sportivo, ma anche un importante strumento di comunicazione che deve e vuole trasmettere tutti i valori che esso rappresenta. 
In particolar modo in questa edizione N°100, RCS Sport ha voluto riproporre e sostenere - per il secondo anno - Ride Green, il progetto ecosostenibile dedicato all’ambiente e alla raccolta differenziata vche ha registrato grandi risultati durante il Giro d’Italia 2016. 
Nella passata edizione furono infatti recuperati 54.734 kg di rifiuti di cui l’84% è stato riciclato. Questa è una delle iniziative di responsabilità sociale della Corsa Rosa, che ha creato anche un suo "bilancio sociale" certificato IMQ.

Ecco il dettaglio dei singoli materiali e le relative quantità e percentuali:

 
Tutta la sostenibilità del Giro:
Per questa edizione saranno oltre 1.200 i contenitori prodotti in plastica riciclata da Eurosintex e inviati a tutti i Comuni sede di tappa di partenza e arrivo per gestire la raccolta differenziata. I contenitori, con il logo di RIDE GREEN, saranno poi regalati alle amministrazioni e aziende di raccolta quale “eredità” del progetto. 
Tutti gli stand dell’open village così come le aree hospitality saranno dotati di mastelli e sacchi per la raccolta differenziata. 
Inoltre l’azienda Novamont fornirà stoviglie monouso e attrezzature compostabili per la somministrazione di cibo e bevande. 
Le isole dell’open village saranno dotate di segnaletica realizzata in cartone riciclato: sui totem e fondali che segnaleranno gli eco-punti con i contenitori saranno evidenziati i materiali oggetto di raccolta differenziata. 
Tutti gli eco-punti degli open village e le aree hospitality saranno presidiati da oltre 250 volontari su tutto il territorio nazionale, reclutati dai Comitati di tappa.
 

 

Archivio