News

 
Alla Call for Ideas "Alla ricerca della plastica perduta" promossa da Corepla hanno partecipato numerosi centri di ricerca, università, start up e PMI. Le idee vincenti premiate nel corso di ECOMONDO 2018 sono state quattro, ma solo per una di queste è stata organizzata la campagna di crowdfunding “Attacca il truciolo!” in collaborazione con la piattaforma Produzioni dal Basso.
 
La campagna “Attacca il truciolo!” ha l’obiettivo di sostenere lo sviluppo del prototipo e la produzione industriale del composto ligneo-polimerico della società VGM Patent, un collante per gli scarti del legno ottenuto da imballaggi in plastica riciclata che attualmente vengono scartati e avviati alla termovalorizzazione. 
 

Il progetto

Il collante è utilizzato per “tenere insieme” il truciolato di legno e potrebbe sostituire la formaldeide, attualmente in uso. Il truciolato di legno ha moltissimi usi nel settore edilizio, nell’arredamento, nella falegnameria: è un materiale molto versatile e nasce dagli scarti e dal riciclo del legno. 
 
La diffusione delle materie plastiche è davanti agli occhi di tutti, e così pure, ormai, la necessità di sviluppare ogni forma di riciclo per ridurre gli scartiI vantaggi di un ampliamento delle possibilità di riciclo, individuando nuovi campi di applicazione delle plastiche riciclate, sono sia economici che ambientali. Riguardano quindi tutti noi, il nostro ambiente, il nostro futuro. Il vantaggio di questo collante ottenuto dalle plastiche è duplice, come dichiara Corepla nelle motivazioni del premio: “Il plasmix (imballaggi misti in plastica) opportunamente preparato, che entra nella fabbricazione dei pannelli in truciolato di legno, coniuga perfettamente le esigenze del riciclo della plastica con quelle del legno: una situazione win - win per entrambi i materiali quando diventano rifiuti”. 
 
Il progetto di VGM Patent ha queste caratteristiche, perché sfrutta il riciclo di imballaggi di plastica meno nobile che attualmente sono scartati ed entra su un mercato potenzialmente molto vasto, italiano e internazionale. Come ha annunciato Nicola Semeraro, Presidente del Consorzio Rilegno, durante la premiazione: “Se si riuscisse a realizzare questo composto, sarebbe una rivoluzione”.
 

Perché il crowdfunding?

 
Le risorse raccolte con la campagna di crowdfunding sono necessarie a sviluppare la produzione del collante plastico, la trasferibilità del processo sugli impianti e naturalmente la qualità dei risultati. Ovvero, non basta produrre il collante ma anche verificare il suo impiego all’interno di un processo consolidato e su macchine già in uso, nonché essere certi della sua efficacia. L’idea è semplice, la sua realizzazione più complessa. 
 
Corepla ha creduto in questa idea e sostiene la campagna di crowdfunding. Chiede a tutti di impegnarsi direttamente perché questa idea diventi realtà.

 

Archivio