News

Si è concluso ieri il Jova Beach Tour dando inizio ad una nuova era degli eventi green.
 
Il 70,2 % di raccolta differenziata su circa 255.904 Kg di rifiuti raccolti di cui 179.648 kg avviati a riciclo
Bastano i numeri a dare la misura del successo del progetto di sostenibilità fortemente voluto da Lorenzo Jovanotti per il suo Jova Beach Party organizzato in collaborazione con WWF e realizzato per Trident Music dalla Coop. Sociale Erica in collaborazione con Coop e Corona e il supporto dei Consorzi Nazionali COREPLA, RICREA e CIAL.
 
Il progetto di sostenibilità si è sviluppato in diversi momenti: in una fase preliminare Erica e i partner del progetto hanno mirato alla prevenzione dei rifiuti, con uno studio di tutti i soggetti coinvolti che ha portato a privilegiare la scelta di materiali facilmente riciclabili. Anche i contenitori, forniti da Eurosintex, e i sacchetti (forniti da Relife Group-Plastipol) sono stati realizzati, in osservanza al principio che “il miglior rifiuto è quello che non si produce”, in plastica seconda vita e plastica riciclata.
 
Durante le varie date del Jova Beach Party nelle spiagge e nel backstage sono state approntate una media di 24 isole ecologiche con contenitori dedicati ad ogni singola tipologia di rifiuto. Il corretto conferimento degli stessi è stato
 garantito dai numerosi volontari "Beach Angels" che hanno aderito all’iniziativa coordinati dal personale Erica.
Numeri e risultati importanti, frutto del lavoro di squadra dei vari partner coinvolti (Erica, WWF, Trident, i Consorzi di Filiera e le aziende): il messaggio di sostenibilità, inoltre, è stato amplificato dallo stesso Jovanotti in ognuno dei 17 concerti, sensibilizzando un pubblico di oltre 500.000 persone.
 
Ma è l’”eredità ambientale” del Jova Beach Party ad essere qualcosa di ancora più tangibile: complessivamente sono stati consegnati oltre 2.300 contenitori in plastica seconda vita per la raccolta differenziata alle Amministrazioni che hanno ospitato i concerti.
 
Con il materiale raccolto e correttamente avviato a riciclo, gli organizzatori e i vari partner dell’iniziativa hanno creato i Ri-prodotti che saranno consegnati alle amministrazioni che hanno partecipato al Jova Beach Party.
In dettaglio con l’alluminio, grazie alla collaborazione con il Consorzio CIAL sono state realizzate 1.500 borracce che verranno donate alle scuole; con l’acciaio, grazie al Consorzio RICREA sono stati realizzati portamatite in acciaio riciclato che verranno consegnati alle scuole e un’opera artistica con i tappi Corona rappresentante il Jova Beach Party che sarà battuta all’asta durante un evento di beneficenza per raccogliere fondi a favore del WWF.
Infine, grazie alla collaborazione con Corepla, con la plastica sono stati realizzati:
17 set da 20 magliette in PET riciclato destinate alle società sportive locali;
200 coperte in PET riciclato destinate ad associazioni umanitarie;
17 panchine in plastica riciclata, una per ogni Comune che ha ospitato (almeno) una tappa del tour;
una passerella destinata ad un’oasi WWF.
Inoltre, CIAL in collaborazione con Estathé Ferrero, realizzerà 20 Riciclette, city bike in alluminio riciclato prodotte con l’equivalente delle lattine di Estahé distribuite durante il tour e avviate a riciclo, da donare al WWF.
 
“Il progetto legato al Jova Beach Party segna una nuova era per quanto riguarda la gestione sostenibile degli eventi legato alla musica, lo spettacolo e lo sport - spiega Luigi Bosio, Presidente di Erica soc. coop. – Nelle 17 date abbiamo dimostrato che con un lavoro fatto di sinergia, condivisione, attenzione alle tematiche legate alla sostenibilità e voglia di sensibilizzare il pubblico, si possono realizzare eventi con un impatto ambientale basso anche in presenza di contesti delicati come quelli marini. Ci sentiamo di dire che da qui non si torna più indietro e tutti gli eventi dedicati al grande pubblico dovranno per forza di cose avere un’attenzione speciale all’ambiente. Grazie a Lorenzo per il messaggio che tanto efficacemente ha saputo diffondere in tutti i concerti e a tutti i partner che sono stati al nostro fianco in questa avventura”.
 
 

 

 

Archivio