News

L’Italia non è solo il Paese dei risultati negativi. La nostra penisola, infatti, spicca in Europa per quanto riguarda la prevenzione dei rifiuti: sono 5.286 le azioni approvate per la settima edizione della SERR - Settimana europea per la riduzione dei rifiuti (European Week for Waste Reduction), che prenderà il via in tutta Europa sabato 21 novembre per poi concludersi domenica 29.
L’obiettivo dell’iniziativa è quello di coinvolgere attivamente cittadini, istituzioni e imprese, nella riduzione dei rifiuti.
Il 2015 ha visto in Italia un aumento considerevole della partecipazione all’iniziativa dei singoli cittadini e delle pubbliche amministrazioni, già molto attive anche nelle scorse edizioni, che hanno proposto maggiori attività da svolgersi anche all’interno delle scuole. In percentuale, le azioni mirate alla diminuzione dei rifiuti sono state proposte da: pubbliche amministrazioni per il 42,5%; associazioni per il 27%; imprese per il 13%; scuole per l’8%; cittadini per l’8%; altro per l’1,5%.
E non si sono tirati indietro nemmeno grandi realtà a livello nazionale, come Istituti di credito, supermercati e punti vendita sia al Nord che al Sud. Le Regioni in cui si svolgeranno il maggior numero di azioni sono: Lombardia 19%, Piemonte 10%, Veneto 10%, Lazio 9%, Campania ed Emilia Romagna 8%. Il leit motiv di questa 7° edizione sarà la dematerializzazione, oltre che la prevenzione e la riduzione dei rifiuti, in linea con le linee guida europee per la gestione dei rifiuti. Altre tematiche affrontate saranno quelle del riutilizzo e della raccolta differenziata.
Quest’anno 86 action developer italiani testeranno gli strumenti comunicativi dedicati (targeted communication toolkits) della SERR, implementando 163 azioni con l’aiuto di tali kit pensati per specifiche categorie di proponenti. Tali strumenti, prodotti dai partner europei del progetto, contengono linee guida per realizzare specifiche azioni, schede informative dettagliate su come organizzarle e strumenti quali poster, adesivi, volantini e brochure.
La Settimana europea per la riduzione dei rifiuti è la più importante e ampia campagna di informazione e sensibilizzazione dedicata ai cittadini europei, volta a sensibilizzarli sul tempo dell’impatto della produzione di rifiuti sull’ambiente.
Nata nel contesto del Programma LIFE+, è sostenuta dalla Commissione europea. L’edizione 2015 sarà patrocinata dal Parlamento europeo, dal Senato della Repubblica e dalla Camera dei Deputati.
La SERR è possibile grazie al contributo del Ministero dell’Ambiente, di Conai e dei sei consorzi di filiera: Cial, Comieco, Corepla, Coreve, Ricrea e Rilegno. Il Comitato promotore italiano è composto da CNI Unesco come invitato permanente, Ministero dell’Ambiente, Utilitalia, Anci, Città metropolitana di Torino, Città metropolitana di Roma Capitale, Legambiente, Aica e dai partner tecnici Erica soc. Coop. ed Eco dalle Città.

Tutte le informazioni qui.

 

Archivio