News

Bologna dal 5 al 12 giugno diventa capitale mondiale dell’ambiente con #ALL4THEGREEN con circa 70 eventi aperti al pubblico per preparare, introdurre e “sensibilizzare” il G7 Ambiente 2017, la riunione intergovernativa tra i Paesi più industrializzati della Terra che si terrà nella città emiliana in data 11-12 giugno.
 
Istituzioni nazionali ed enti locali, università, associazioni e imprese partecipano all’organizzazione di un fitto programma di iniziative incentrate sulla tutela ambientale e sull’economia circolare.
 
“Abbiamo immaginato questa settimana di grande mobilitazione in città – spiega il Ministro Galletti – come un’occasione unica di conoscenza e consapevolezza comune. Ci attende un G7 Ambiente con molte importanti questioni aperte e passi in avanti da compiere: ciò che deve essere chiaro è questo processo decisionale non è estraneo alla società, ma tutti ne siamo protagonisti a pari livello. Istituzioni e grandi aziende, associazioni ambientaliste, operatori e mondo dell’università, hanno scelto di unirsi in #AllForTheGreen per un obiettivo che è necessariamente comune: la cura dell’Ambiente, non solo come luogo della conservazione, ma come leva di una nuova crescita economica. Da bolognese – conclude Galletti – credo che questo sia anche un passaggio fondamentale per la mia città: perché oggi ha davvero le basi per caratterizzarsi come il luogo dell’innovazione ambientale”.
 
 
In quanto best practice dell’economia circolare, Conai, Cial, Comieco, Corepla, Ricrea, Rilegno e Coreve supportano #All4thegreen in risposta all’invito da parte del Ministro dell’Ambiente a stringere una grande alleanza tra istituzioni, associazioni e aziende per promuovere lo sviluppo sostenibile e rendere la tutela ambientale un fattore di crescita.
In questo senso, un ruolo importante è giocato dal riciclo e recupero dei rifiuti di imballaggio, che vedono operare da 20 anni Conai e i Consorzi di Filiera, con l’ottenimento di performance significative a livello ambientale, economico e sociale.
Per sensibilizzare i cittadini sul tema del riciclo i Consorzi, tutti insieme, promuoveranno a Bologna due eventi di livello assoluto che giocano sulla metafora – in forme tra loro differenti – per sottolineare l’importanza del riciclo di acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro, come:
 
Il Concerto per la Terra (5 giugno, Piazza Maggiore, ore 21:30), regalando ai bolognesi, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, un’esibizione del direttore d’orchestra, compositore e pianista Ezio Bosso. Il Maestro userà la grande musica classica, per lui semplicemente ‘musica libera’, come metafora delle nuove sfide del pianeta di fronte al nuovo Panta Rei, il Riciclo. In particolare, l’esibizione si focalizzerà verso gli aspetti felici della sua soluzione, utilizzando le note come messaggere di passato e ambasciatrici di futuro. Accompagnato da un ensemble di amici musicisti dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, il Maestro alternerà composizioni di Bach ad altre arie appositamente rielaborate per l’occasione sotto il filo conduttore de “Tutta la musica libera pulisce l’ambiente”
 
L’installazione artistica Abi-tanti (11 giugno, Piazza Maggiore), a cura del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli, progetto itinerante appena presentato all’Arts Learning Festival di Melbourne. Abi-tanti è una grande metafora dell’umanità, che permette di riflettere su temi importanti come identità, differenza, sostenibilità. Gli Abi-tanti sono oggetti filosofici che offrono a tutti la possibilità di osservare il mondo da più punti di vista: nei suoi 17 anni di vita, sono stati oltre 10.000 i pezzi creati – a partire da materiali riciclati e quindi eco-sostenibili – dalle persone che hanno aderito al progetto nei suoi 17 anni di vita, in Italia, in Europa, e nel mondo. Inoltre, l’esposizione sarà l’occasione per instaurare un rapporto diretto con i cittadini bolognesi, che avranno la possibilità di creare i propri Abi-tanti a partire dagli imballaggi in acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro, con il supporto degli artisti del Castello di Rivoli.

Archivio