News

DeplastificAZIONE - Life Beyond Plastic è un percorso proposto dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca in collaborazione con Istituto Oikos, realizzato grazie al sostegno dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.
 
Gli oceani e i mari ricoprono oltre i tre quarti del nostro pianeta e sono un patrimonio essenziale per la vita dell’uomo: ospitano numerose forme di vita, influiscono in maniera determinante sul clima, sono un’importante fonte di cibo, prosperità economica, benessere sociale e culturale.
Ma tutto questo è in pericolo: ogni anno tra i 5 e i 13 milioni di tonnellate di plastica finiscono nei mari di tutto il mondo, provocando danni inestimabili agli animali e agli ecosistemi.
Continuando così, entro il 2050 ci sarà, in peso, più plastica che pesce negli oceani. L’inquinamento marino sta assumendo sempre più il volto di vera e propria emergenza globale.
 
Nel corso degli ultimi mesi, soprattutto in seguito all’approvazione della direttiva europea che mette a bando alcuni oggetti di plastica monouso, numerose azioni di sensibilizzazione pubblica sono state messe in atto, e l’argomento è salito alla ribalta dei mass media.
Al di là della necessità di continuare quest’azione di accrescimento della consapevolezza di un grave problema globale in modo strutturale, è fondamentale cominciare a dare un messaggio per quanto possibile propositivo e positivo, orientato alle soluzioni.
Il percorso Bbetween 2021 Civic engagement - DeplastificAZIONE - Life Beyond Plastic ha proprio questo obiettivo, per evitare che la pericolosa percezione di impotenza di fronte all’incombenza di questa ed altre crisi ambientali del nostro tempo, come il cambiamento climatico in corso, determinino una risposta di rassegnazione e passività, o peggio, di rifiuto all’ascolto, soprattutto nelle giovani generazioni.
 
Il percorso è erogato in modalità online sulla piattaforma Open.Bicocca.
Si compone di un convegno in diretta streaming (qui, mercoledì 24 febbraio alle ore 16:30), e di quattro unità didattiche, fruibili autonomamente entro il 5 dicembre 2021 e così strutturate: 
  • La dimensione del problema: dalla percezione all'analisi, dalla superficie al profondo blu
  • ​RIDUZIONE: ridurre i rifiuti plastici già dispersi nell'ambiente acquatico
  • RIDUZIONE: ridurre la quota di rifiuti immersi nell'ambiente
  • RICICLO e RIUSO
Sulla piattaforma sono, inoltre, disponibili esempi virtuosi di riciclo di rifiuti plastici.
Dettaglio degli interventi per ciascun modulo qui.
 
Anche Corepla fornirà clip per illustrare l'intera filiera del riciclo degli imballaggi in plastica, che saranno in seguito riproposte sui profili LinkedIn e Youtube.

 

Archivio