News

"Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior".

Corepla la pensa come il grande De André, tanto è vero che questa mattina ha lanciato una splendida iniziativa didattica - in collaborazione con Milano RistorazioneComune di Milano, e Amsa - per ridare nuova vita alle stoviglie di plastica, ancora in uso nei refettori scolastici delle 176 scuole d’infanzia milanesi. 

Ricordiamo che già da tempo, nelle scuole milanesi, è attiva la raccolta differenziata alla fine del servizio e già da tempo alcune scuole della città, ove lo spazio lo consentisse, hanno indirizzato virtuosamente le energie dei propri piccoli alunni alla cura di un orto. Si tratta di un’attività importante che offre ai bambini la possibilità di confrontarsi con il ciclo della vita, di comprenderlo, di scoprire come nascano i frutti della terra, come sia fondamentale prendersene cura.
Non tutte le scuole, però, hanno gli spazi adeguati, un terreno da dedicare ad un orto, così nasce l’idea dell’Orto Verticale, un kit di vasi e attrezzature utili per coltivare piante aromatiche e orticole nello spazio di uno scaffale.

I bambini potranno così rendersi conto di persona di cosa può diventare un piatto o un bicchiere in plastica correttamente raccolto e riciclato, ma anche scoprire che i residui del cibo non consumato possono trasformarsi in compost e diventare ricco nutrimento per le piantine che vorranno far crescere a scuola.

Il Kit è composto da uno scaffale a più ripiani, da 12 vasi e da un annaffiatoio, il tutto in plastica riciclata. Insieme a terra e compost, saranno destinati alla coltivazione di piante orticole e aromatiche le cui sementi sono state fornite da Ingegnoli, la storica azienda florovivaistica milanese.

L’idea, ben rappresentata dal nome del progetto “Riciclo e Coltivo, l’orto verticale a scuola” non è solo simbolica, infatti, offrirà uno spunto didattico molto significativo agli educatori che potranno insegnare ai bambini più piccoli il valore di un semplice gesto di educazione civica come la raccolta differenziata e la magia del ciclo della vita.

L’operazione ha garantito il recupero ed il riciclo di 12000 kg di imballaggi in plastica.

Esempi di piante previste: Basilico, Prezzemolo, Maggiorana, Misticanza, Ravanello, Lattughino riccio, Pisello nano, Spinacino, Pomodoro.

“Con l’idea dell’orto verticale – ha detto Gabriella Iacono, amministratore unico di Milano Ristorazione - siamo riusciti a realizzare un prodotto utile per le attività educative dei bambini delle scuole dell’infanzia e nel contempo a compiere un’importante azione ecologica trasformando i piatti di plastica in un nuovo oggetto d’uso. Un progetto innovativo e in armonia con le esigenze ambientali di una grande città come Milano”.

“Promuovere la raccolta differenziata e il riciclo degli imballaggi in plastica in ambito didattico porta i bambini a confrontarsi con il futuro - ha sottolineato Giorgio Quagliuolo, Presidente Corepla - L’orto verticale, realizzato in plastica riciclata, dà loro modo di verificare concretamente la rinascita dei materiali. E questo è ancora più vero per Milano, prima in classifica tra le grandi città italiane nella raccolta differenziata della plastica”.

“Seminare e veder crescere le piante aromatiche più comuni come basilico, maggiorana, prezzemolo è un percorso educativo che appassiona molto i bambini, fin da piccoli - ha dichiarato Francesco Cappelli, l’assessore all’Educazione e all’istruzione -. Ora, grazie ai nuovi scaffali di plastica riciclata, i bambini e le educatrici delle scuole dell’infanzia avranno una nuova possibilità per coltivare un orto, come già viene fatto da tempo nelle materne del Comune di Milano. Inoltre, con questo progetto i bambini potranno apprendere cosa vuole dire riciclare, la trasformazione di un prodotto, in questo caso il piatto di plastica, che una volta utilizzato, può essere riassemblato e trasformato in un altro oggetto, ovvero un grande contenitore per piante”.
 

 

 

Archivio