News

Iren ha raggiunto un accordo per rilevare da Idealservice, a fronte di un corrispettivo di 16 milioni di euro, l'80% di I.Blu, diventando così leader tra gli operatori nazionali nel trattamento delle plastiche. 

I.Blu opera nel mercato del recupero delle plastiche attraverso due impianti CSS presso San Giorgio di Nogaro (Friuli Venezia Giulia) e Cadelbosco (Emilia Romagna) e nel trattamento di rifiuti in plastica per la produzione di polimero per usi civili attraverso l'impianto di Costa di Rovigo (Veneto).

I.Blu ricicla inoltre ogni anno circa 40mila tonnellate di rifiuti plastici, da cui ottiene, nel BluCenter di Costa di Rovigo, 20mila tonnellate di granulo, miscela di poliolefine commercializzata con il marchio Blupolymer in diverse varianti (Blu 2.0, Blutech, Bluplus, e Blu AG sotto forma di densificato) e circa 15mila tonnellate di Bluair, un agente riducente per impianti siderurgici (S.R.A.). Blupolymer è certificato Plastica seconda vita.

Il fatturato pro-forma di I.Blu per il 2019 è stimato in 46 milioni di euro con un Ebitda di 7,5 milioni.

Il piano industriale di I.Blu prevede un ulteriore sviluppo impiantistico nel trattamento del plasmix - che costituisce oltre il 50% della plastica attualmente non recuperabile a valle della raccolta differenziata.
L'acquisizione consente a Iren di divenire il primo operatore nazionale nella selezione delle plastiche Corepla e il primo operatore nel trattamento del plasmix, accelerando lo sviluppo impiantistico di Iren Ambiente.
La firma dell'accordo definitivo è prevista entro la fine di questo mese.

Archivio